“A questo punto smetti…” e “La materia della poesia”

raccolte

2015 f.to 10x17 pag. 56

edizioni di maieutica

2015 f.to 10x17 pag. 44

edizioni di maieutica

edizioni di maieutica
raccolte

2015 f.to 10x17 pag. 56

2015 f.to 10x17 pag. 44

Le Raccolte di poesia nascono da un’appassionata ricerca che ha viaggiato in varie epoche e in molti Paesi: dalle grandi ali bianche degli uccelli di Baudelaire
alle notti stellate di Tiziano Rossi, fino alle sfere di fuoco di Tranströmer. Ogni raccolta è un tema, un punto di vista sulla realtà per approfondirla sì, ma soprattutto
per cogliere della poesia il grande potere di trasformazione e di nuova creazione.

“a questo punto smetti”
poesie di: friedrich hölderlin giosuè carducci giovanni pascoli
edgar lee masters rainer maria rilke juan ramon jiménez osip mandel’stam
czeslaw milosz anna achmatova wallace stevens giuseppe ungaretti
salvatore quasimodo andrea zanzotto natan zach boris pasternak
eugenio montale samih al-qasim tomas tranströmer titos patrikios nikos fokas giovanni giudici jorge guillén mahmud darwish tiziano rossi mario luzi

“A questo punto smetti” dice l’ombra a Montale con il suo sarcasmo.  È il titolo
delle riflessioni in versi che i poeti compiono sulla loro vita: si trema e si sorride,
ci si immedesima di fronte alle mete esistenziali più spesso lontane che raggiunte.

“la materia della poesia”
poesie di: charles baudelaire emily dickinson edgar lee masters
rainer maria rilke marina cvataeva anna achmatova federico garcia lorca
fernando pessoa
 antonia pozzi wystan hugh auden thomas stearns eliot
odysseas elytis czeslaw milosz giorgio caproni giorgos seferis
eugenio montale jaime gil de biedma umberto bellintani tomas transtromer
franco fortini valerio magrelli nuno júdice

Una raccolta di versi sulla magia di scrivere versi. Una dote unica
che allontana dal resto degli esseri umani. E il poeta ne va fiero, si sente
un profeta, un privilegiato: tanto grandi sono l’amore e la fede nella poesia.

“a questo punto smetti”
poesie di: friedrich hölderlin giosuè carducci giovanni pascoli edgar lee masters rainer maria rilke juan ramon jiménez osip mandel’stam czeslaw milosz anna achmatova wallace stevens giuseppe ungaretti salvatore quasimodo andrea zanzotto natan zach boris pasternak eugenio montale samih al-qasim tomas tranströmer titos patrikios nikos fokas giovanni giudici jorge guillén mahmud darwish tiziano rossi mario luzi

“A questo punto smetti” dice l’ombra a Montale con il suo sarcasmo.  È il titolo delle riflessioni in versi che i poeti compiono sulla loro vita: si trema e si sorride, ci si immedesima di fronte alle mete esistenziali più spesso lontane che raggiunte.

“la materia della poesia”
poesie di: charles baudelaire emily dickinson edgar lee masters rainer maria rilke marina cvataeva anna achmatova federico garcia lorca fernando pessoa antonia pozzi wystan hugh auden thomas stearns eliot odysseas elytis czeslaw milosz giorgio caproni giorgos seferis eugenio montale jaime gil de biedma umberto bellintani tomas transtromer franco fortini valerio magrelli nuno júdice

Una raccolta di versi sulla magia di scrivere versi. Una dote unica che allontana dal resto degli esseri umani. E il poeta ne va fiero, si sente un profeta, un privilegiato: tanto grandi sono l’amore e la fede nella poesia.